Ha stato Putin! (Senza vergogna)

Putin ride

Uaz Uaz!

Ci sarebbe solo da ridere.

Il fatto è che questi giornalisti vengono presi sul serio.

 

Hillary Clinton parla di “vast right-wing conspiracy” (=megacomplotto delle destre) fin dal 1998. Ogni tanto ha ritirato fuori questa simpatica idea. Solo che sarebbe ora di lasciarla perdere. E’ una ex.

Invece eccola di nuovo sulle tv a prendersela con le notizie false, le famose “fake news” che avrebbero fatto vincere Trump.
Ovviamente tutti i grandi giornali a pendere dalle sue labbra e cavalcare l’onda dell’indignazione, invocando la censura sotto altro nome: contro questi puzzoni che su internet si permettono di dare notizie più o meno non vere. Grandi giornali che nei ritagli di tempo, tra una indignazione e l’altra, spacciano qualche notizia falsa, ma di quelle buone. Perché loro sono professionisti!

Non basta.

Faceva già piangere, per non ridere, che la Clinton ad Agosto (sapendo di essere in svantaggio, nonostante tutti raccontassero al pubblico l’esatto contrario) avesse fatto la mossa disperata di denunciare pubblicamente un complotto ai suoi danni da parte degli hacker russi per far vincere Trump.

Ma ora, ad elezione passata da più di un mese, mentre Trump mette assieme la squadra del suo governo, ecco di nuovo che le due corazzate, New York Times e Washington Post, se ne escono con rivelazioni da fonti anonime interne alla CIA (!) che… ha stato Putin!

Elezioni, dicono, falsate dall’interferenza di una potenza straniera!

Ora, a parte che è tutto da vedere quello che riportano queste “fonti”. Se anche dalla CIA fosse partito qualche spiffero, non è che, in vista di un generale repulisti delle agenzie più che sospette di corruzione, CIA inclusa, da parte del nuovo governo, chi ha moltissimo da perdere stia mettendo più ostacoli possibili a Trump?

Ma mettiamo che sia vero. Sono stati gli sgherri di Putin. Di cosa parliamo? Di rivelazioni, di email trafugate che mettono in evidenza gli scheletri nell’armadio del Partito Democratico e dello staff della Clinton!
No, dico: hanno il coraggio di parlare? Di fare le vittime?
E il movente? Questo è ancora più bello. L’amministrazione Obama, al contempo debole e aggressiva (il peggio!), ha fatto salire la tensione con la Russia. Quindi il Pianeta, e per primi i Russi, avevano interesse a veder vincere Trump, che aveva al contrario mandato ampi segnali di distensione verso Putin (che, per carità, non è uno stinco di santo, ma va tenuto a bada in maniera furba, proprio come si sta ponendo il magnate dal capello ribelle).

Riassumendo, il complotto mirava a far vincere un tizio meno guerrafondaio, grazie al rivelare a tutti che il Partito Democratico aveva truccato le elezioni Primarie per far vincere la Clinton, e che le email del suo capo dello staff (John Podesta) presentavano trucchi, mezzucci, inciuci vari. Che disdetta!

Perché i giornalisti stanno ancora spacciando questa sbobba immangiabile? Forse perché, dico io, c’è la voce che Trump abbia scelto il nuovo Segretario di Stato, il top manager Rex Tillerson, che è uno che (per ovvie ragioni di business) ha mantenuto ottimi rapporti con la Russia. Quindi lo stanno già presentando come “vicino a Putin”. E’ già pronta la prossima campagna contro.
Attenti, vi sta per cadere il cielo sulla testa!

(Per chi legge l’Inglese, questo articolo spiega i retroscena di un Dipartimento di Stato che è un covo di vipere che farà di tutto per ostacolare Trump, e forse quel che ci vuole è proprio Tillerson, “petroliere e boy scout”, uso a comandare e non a fare politica, per metterli in riga.)

 

Eppure sarebbe semplice da capire. Clinton &Co., come nel baseball:

  • Hai gli scheletri nell’armadio -Strike uno.
  • Non sei capace a proteggere i dati riservati, che siano segreti di stato o tue scorrettezze -Strike due.
  • Ti beccano con le mani nella marmellata e hai la faccia tosta di dare la colpa al tuo avversario, perché se è stato amichevole nei confronti di Putin vuol dire che sono in combutta per fare il male degli Stati Uniti e sono stati cattivelli a rivelare le tue magagne… -Strike tre!

Eliminata! Sei fuori!

 

E invece niente, continuano come se niente fosse. Faccia tosta!

Ma alimentare le psicosi collettive sul nemico è un gioco irresponsabile. Pericoloso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.