Chiesa, olivo

Totò clown, assorto, triste, prega

Messa della Solennità delle Palme   Ci si raduna alla spicciolata poco distante la chiesetta. Tanto sole, cielo azzurro. I bambini colle classiche palme intrecciate. Gli adulti con gran mazzi di ramoscelli d’ulivo. Contrasta col ricordo della mia vecchia parrocchia del Nord: qui i più intraprendenti hanno in mano ciascuno tanti rami quanti ne sarebbero bastati a Genova per tutta la congrega. Scopro solo ora l’usanza del farsi gli auguri anche alle Palme. Alla fine della messa ci scambieremo un ramoscello d’ulivo: un gesto semplice ed economico, uno ne do ed uno ne prendo. Praticamente ti tieni sempre lo stesso cespuglio in mano avvolto con poca stagnola; accanto il rametto-ospite per…

Leggi l’articolo

Ha senso digiunare in Quaresima?

Daniele stilita in una icona del sec. XI contrapposto ad un muscoloso bodybuilder

Da piccolo le suore dell’asilo mi avevano insegnato il valore del “fioretto”: una piccola rinuncia, come una buona azione ma non necessariamente “utile”. Ricordo ancora il piccolo cartellone appeso su cui noi bambini appiccicavamo dei semplici fiorellini di carta, i petali rossi con un cerchio giallo al centro, uno per ogni fioretto. Non ho invece idea in cosa consistessero i miei fioretti: forse, conoscendo la mia golosità, avevo rinunciato al dolce? A pensarci bene il cartello era in alto, anzi mi sembrava altissimo… i fiori li metteva la maestra, evidentemente per evitare che barassimo. Perché anche a 4 anni la natura umana quella è. Aveva senso? O è meglio lasciare…

Leggi l’articolo

Di Preghiera Dei Fedeli e Distrazioni

Quadro raffigurante il martirio dei 7 fratelli Maccabei

Alla Messa   Scena: siamo andati a Messa in una chiesa che frequentiamo solo ogni tanto. Tutto bene, niente da dire (che poi sembra che ci si lamenti sempre): un bravo prete, una bella chiesa ricca d’arte. Prima dell’inizio della funzione, siamo già seduti, si avvicina un tale che si occupa di organizzare, segue dialogo: -Qualcuno vuole fare le letture? La Preghiera dei Fedeli? Momento di imbarazzo. Sto meditando se tirare fuori la risposta preparata da tempo per questa occasione. -Una lettura posso farla io, ma… -Ecco, allora la Preghiera dei Fedeli. -No, veramente le letture le faccio, ma le Preghiere dei Fedeli no, sono contrario! A quel punto lui…

Leggi l’articolo

Il papa della fine del mondo. E la Chiesa degli opposti fatalismi: catastrofisti e normalisti

Papa Francesco

…oggi c’è in molti cattolici la paura, tutta nuova, che non sia più tempo di resistere, che le cose siano cambiate talmente tanto che stavolta la Chiesa non ce la farà: questo sarebbe il segno della Fine del Mondo, un mondo che non può più andare avanti così. E allora ci sono due trend, disturbanti, in atto. L’un contro l’altro armati, e paradossalmente simili. Fatalisti. Tra chi sinceramente vuole essere fedele, due modelli diversi, che potremmo definire: A. normalista, che insiste a negare che si debba muoversi per fare qualcosa, se non pregare; B. catastrofista, che vede anticristi dappertutto. Questo mio articolo è stato pubblicato su Papalepapale.   C’è una malattia che affligge…

Leggi l’articolo