Sbugiardare Calenda su Bibbiano -1: è il sistema che non funziona

Carlo Calenda sui bambini sottratti alle famiglie a Bibbiano: "Tu non chiedi la verità. Tu vuoi usare quello che è accaduto per fare una battaglia politica che nulla ha a che vedere con i fatti. E la cosa tragica è che non ti vergogni e non comprendi che è l'insulto più grave alle vittime dei fatti."

Il PD sceglie di attaccare un popolo che si ribella all’orrore. Commento a margine dello scandalo partito dalla cittadina di Bibbiano, in Val d’Enza, Emilia: bambini sottratti alle famiglie senza vere ragioni, ed anzi attraverso prove falsificate e maltrattamenti, da parte di assistenti sociali e psicologi senza scrupoli. Tanta gente comune urla indignazione e vuole risposte, controlli, ispezioni… soprattutto vuole mettere in discussione un sistema che mette assieme i magistrati e gli specialisti che hanno un potere privo di controllo, la filiera delle cooperative sociali dove alloggiano i bambini (che ricevono finanziamenti enormi), ed infine l’ideologia ostile alla famiglia, che fornisce le basi su cui si regge l’intera costruzione. Il…

Leggi l’articolo

Non fate come ho fatto io.

Vantarsi di una scommessa su Trump: un cattivo esempio   Come forse saprete, nel 2015 ho scommesso su Trump. E un po’ mi dispiace dirlo al mondo. Certo, mi serve per bullarmi del fatto che ho capito il fenomeno Trump ben prima della grande maggioranza degli osservatori. Ma sto anche lanciando un segnale sbagliato a favore dello scommettere: piazzare dei soldi su di un evento, poi sognare la sensazione che si proverà a vincere in maniera inaspettata, clamorosa… Il problema è che si sente un sacco parlare delle rare vittorie, si sa invece poco delle innumerevoli sconfitte. Il Banco alla fine vince sempre. Ma molti cadono nella trappola. Non chiamateli…

Leggi l’articolo

#LoveTrumpsHate: Trump vince l’odio

Love trumps hate. L’amore sconfigge l’odio. Ok, facciamo che sia vero.   #LoveTrumpsHate è uno slogan semplicistico usato dal Team Clinton. C’è un raffinatissimo (?) gioco di parole basato sul nome di Donald Trump; il verbo to trump infatti significa anche sconfiggere. L’idea è che dalla parte di Hillary Clinton ci siano ovviamente i buoni, che amano, e vincono sul cattivo Trump che odia. Ma a scavare a fondo, il ragionamento funziona, perfettamente, solo se viene completamente rovesciato. Facciamo così: scommetto che se seguite il mio ragionamento fino in fondo, arriverete ad ammettere che vi ho sorpreso, e non avevate considerato la situazione da questa angolazione. Potete commentare sotto riguardo…

Leggi l’articolo