Aborto ed Eutanasia nella Passione di Cristo

Jesus Christ crucified on an abortion instrument

Una breve riflessione ispirata dal racconto del Passio, letto ieri in tutte le chiese cattoliche in occasione della Festa delle Palme; ecco il frammento che ci interessa, da Luca 23, 27-31: Lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: «Beate le sterili, i grembi che non hanno generato e i seni che non hanno allattato». Allora cominceranno a dire ai monti: «Cadete su di noi!»,e alle colline: «Copriteci!». Perché, se…

Leggi l’articolo

Guardate questo video per abbassare immediatamente il vostro QI

Non vorrei fare pubblicità a certi “contenuti” che spargono ignoranza, ma stavolta facciamo una eccezione. Tanto la mia tribuna è minuscola. Il bello, o il brutto, di questo Claudio Messora detto Byoblu è che nei suoi interventi ed interviste raccoglie a volte materiale valido e spunti interessanti, ma lo sommerge con dosi copiose di fanfaluche, mezze verità e distorsioni insidiose. Veleno intellettuale. Ecco il video che non si sa se fa più piangere o ridere. Vi ho avvisato: guardarlo può nuocere alle vostre facoltà mentali.   Ilaria Bifarini, la nostra esperta, si autodefinisce “bocconiana redenta” e con questa qualifica accattivante promuove un proprio libro sul tema: Neoliberismo e manipolazione di massa.…

Leggi l’articolo

La Sinistra che scambia i buoni con i cattivi. Sempre più in basso.

La follia della settimana. Un gruppo di ragazzi di un liceo cattolico del Kentucky ha partecipato come ogni anno alla Marcia per la Vita. Ammirevole dal punto di vista di una persona con sani principi morali, un peccato grave nell’immaginario della sinistra.   Dopo la manifestazione, mentre aspettano l’autobus, si mettono a cantare canzoni della loro scuola. Molti indossano il cappello Make America Great Again (lo slogan di Trump), cosa che nel presente clima politico può essere molto pericolosa per la propria incolumità fisica. Dunque riconoscibili come Cristiani e di destra. Attirano così tutta la feccia di squilibrati che si trova in zona. Da una parte abbiamo un gruppo minuscolo di razzisti neri fuori…

Leggi l’articolo

Meglio vivere da Cristiani ipocriti che vivere da atei

Oltretutto gli atei sono ipocriti. A margine di una polemica (l’ennesima) sulle parole di Papa Francesco contro l’ipocrisia di certi cattolici. Vediamo di analizzare quanto sentito in questi giorni. Proposizione 1: Quante volte noi vediamo lo scandalo di quelle persone che vanno in chiesa e stanno lì tutta la giornata o vanno tutti i giorni e poi vivono odiando gli altri o parlando male della gente. Questo è uno scandalo! Meglio non andare in chiesa: vivi così, come fossi ateo. (Papa Francesco)   Proposizione 2: L’ipocrisia è un omaggio che il vizio rende alla virtù. (François de La Rochefoucauld)   Ma attenzione! Aggiungiamo ancora qualcosa. Proposizione 3: Noi cristiani abbiamo…

Leggi l’articolo

Natale a pezzi, 20 anni dopo.

shapes of skyscrapers seen from below, forming a cross in the sky

Questo racconto breve è il seguito della storia natalizia dell’anno scorso, Natale a pezzi, che vi invito a leggere prima di proseguire. Apertura. Pesco nel mio folder per fare ordine. Guardo la foto di Nicole e penso ad un altro Natale triste. Ma chi se ne frega di Nicole. Vuoi andare, vai. Chi ti trattiene. Butto la foto. Dove va la mia vita? Due anni. Mi rivedo proprio lì, a fissare il muro giallo, con il flash message “Connessione rifiutata”. Tra una settimana torno in Italia, a ***, la mia città natale. Per la cerimonia funebre di papà. Vecchio pazzo. Mi hai fatto male, ma non riesco a provare rabbia. E…

Leggi l’articolo

Espellere gli antivaccinisti dal tradizionlismo

Osservo l’evoluzione del dibattito civile, che non è più un dibattito e non è più civile. Ad un mainstream elitario, vincente, elargitore di verità indiscutibili calate dall’alto, si contrappone il tanto esecrato populismo, la pancia del popolo che reagisce con veemenza. Contro tutto. Schieramenti sordi ed autoreferenziali: non c’è da stupirsi che si sbagli da entrambe le parti, solo che i primi fanno errori più raffinati e difficili da smascherare. Anche dentro la Chiesa Cattolica avviene qualcosa del genere, in parallelo. In apparenza il Mondo ormai ha vinto, chi conta nelle gerarchie straparla di immigrazionismo, ecologia, Europa più unita più bella, “giustizia sociale”, inclusione che significa sdoganare pian piano coppie…

Leggi l’articolo

Il branco degli immigrati e quello dei giornalisti

A margine di una piccola storia fin troppo pubblicizzata. Treno regionale vicino Milano. Cinque giovani occupano sfacciatamente i sedili stando sdraiati, anche se attorno a loro c’è la ressa di un vagone strapieno di pendolari. Un passeggero li rimprovera e quelli lo picchiano selvaggiamente. Un mesetto di ospedale per fratture al volto. Salvato dall’intervento di un poliziotto che si trovava lì per caso; tre di loro sono stati arrestati. E sono italiani. La prima cosa che salta all’occhio è il riferimento all’età: i tre hanno dai 18 ai 25 anni, eppure vengono da più testate giornalistiche chiamati ragazzi, in un caso inizialmente “ragazzini” (Tiscali News). Protetti dall’anonimato, e forse è…

Leggi l’articolo

La bacchetta magica di Trump

Non è quella che pensate.     Nel mio ultimo articolo ho raccontato la sinistra americana violenta e scollegata dalla realtà, a partire dai facinorosi scatenati per le strade, per arrivare ai papaveri di Washington DC, abitanti della Palude della Politica Corrotta (il citatissimo Washington Swamp). Eppure, insisto, Trump si è rafforzato. Lo ha fatto pur avendo perduto il controllo della Camera dei Rappresentanti, passata ai Democratici. Possibile? Domandavo infatti: Cosa fareste se un buon 40% dei cittadini del vostro paese fosse ormai abituato all’idea che siete letteralmente paragonabili ad Hitler? Un regime repressivo riconoscibile per il fatto che chiunque può attaccare il Presidente impunemente. Anzi, si ricevono lodi per il coraggio dimostrato attraverso tale…

Leggi l’articolo

L’America Degli Estremisti Vince-Perde-X

Ma il genio di Trump trasforma il clima politico disastroso in un’opportunità. Nel prossimo articolo cercherò di spiegare come penso questo sia possibile. Nota a margine delle elezioni americane. Non sono abituato a seguire la TV a stelle e strisce. Semplicemente esasperante: rimani scioccato dalla quantità di pubblicità che gli fanno sorbire. Ad un certo punto pensi che il tema della trasmissione siano le offerte di piani assicurativi e medicine, con un contorno di cuscini, tergicristallo e fast food. Stona nell’insieme l’annuncio -ripetuto a sfinimento- di un’intervista al politico di turno, ovviamente dopo la pubblicità (c’era pure uno spot che parlava di una malattia del pene storto, giuro!) Sempre meglio…

Leggi l’articolo

Perché tutti questi santi?

Lasciatemi aprire con una di quelle rare massime di Oscar Wilde che hanno un senso:   La Chiesa Cattolica è solo per i santi ed i peccatori – per le persone rispettabili basta la Chiesa Anglicana.   Ieri si festeggiava Ognissanti. Può sembrare una festa sorpassata, incomprensibile, fuori del tempo, ma questo dimostra solo che abbiamo un disperato bisogno di santi. Quando la normalità non sa sognare eroismi, tantomeno apprezza lo sforzo di chi sceglie l’umiltà, il servizio ed il nascondimento, il santo è il vero anticonformista. Ed è l’unico che potrebbe salvare la nave che affonda. Forse una cosa o due la possono insegnare questi cattolici, che insistono a…

Leggi l’articolo

Follie elettorali: USA vs. Svezia

Una gara a chi fa peggio. Da una parte regole che ricordano l’epoca fascista, dall’altra stranezze da Repubblica delle Banane. Chi non conosce la diatriba tutta americana sul diritto a votare senza presentare documenti rimarrà sbalordito. Gli altri possono trovare qui in fondo la risposta che taglia la testa al toro in questa faccenda assurda. Nel frattempo prendetevela con calma e godetevi questa carrellata. Oppure potete dare una scorsa veloce, saltando dei capitoli. Non sono più abituato a stupirmi. Ma mi ha colto alla sprovvista la notizia che gli osservatori internazionali, chiamati per la prima volta a controllare la regolarità delle elezioni in Svezia, si sono trovati di fronte un sistema elettorale viziato…

Leggi l’articolo

Uno squarcio sulla devastazione mentale sinistra

Mi arrendo, liberalism is a mental disorder indeed. Guardate questo video, diventato virale su Facebook come se rappresentasse un trionfo del progressismo contro i soliti sovranisti razzisti eccetera. A parte le battutine e gli straw man arguments, rimarranno si e no 4 affermazioni. E sono totalmente prive di senso, ma nel marasma le fa passare come “dati”… “Carta manent” ci dice la tapina… Beh, avrà fatto il classico…   Oh, intendiamoci. Gli straw men, letteralmente “uomini di paglia”, ovvero avversari di comodo usati per non discutere davvero le ragioni della controparte, non sono del tutto inventati. Sicuramente una persona così chiusa nella sua apertura attirerà un sacco di insulti e…

Leggi l’articolo